Tour Divini | MONFERACE| il Grignolino nobile di campagna
2191
post-template-default,single,single-post,postid-2191,single-format-standard,unselectable,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

MONFERACE| il Grignolino nobile di campagna

Martedì scorso 20 Febbraio 2018  si è tenuta ad Asti  la serata Monferace,  valutazione dei grignolini invecchiati, riservata ad un panel di degustatori selezionati, che hanno per la prima volta degustato in una sessione blind 11 differenti grignolini, destinati a diventare Monferace.

Vini complessi, evoluti, ognuno con la propria personalità: grande finezza in tutti ed 11 i grignolini valutati, una batteria di qualità elevatissima.

Per l’enologo Veronelli era «l’anarchico testa balorda», e berlo era «come baciare il vento» per la storica Enza Cavallero: ruvido, con l’inconfondibile color ruggine, il Grignolino è vino dalla storia antica, apprezzato dai Savoia,   espressione del Monferrato, ribelle e da bere giovane. Finora. C’è voluto un ricambio generazionale per fare dell’ anatroccolo un cigno.

Nasce così un Grignolino «al 100%, affinato per 4 anni, di cui 2 in botte e 2 in bottiglia: sarà più elegante, sofisticato, pronto per conquistare le tavole stellate», ci dice Giuseppe Visconti, uno dei 10 imprenditori lungimiranti, tra Astigiano e Alessandrino, che hanno avuto l’intuizione di legare il decollo del Grignolino  a un nome nuovo, dalla forte identità territoriale, «Monferace», «un richiamo all’antica denominazione del Monferrato, ritrovato in scritti del 1500.

La sfida dei dieci viticoltori tra Asti e Alessandria è quella di rilanciare lo storico vino. Uno di loro, Ermanno Accornero,  il primo ad aver colto le potenzialità del Grignolino affinato. «È come per gli infernot, le tipiche cantine scavate nel tufo:  le abbiamo sempre avute ed ora sono diventate patrimonio dell’umanità Unesco ed hanno finalmente la giusta valorizzazione.

Nell’infernot di Vicara, sotto una chiesa consacrata che fa parte della tenuta, si conserva «l’archivio» dei vini, bottiglie antiche, rare, preziose, sopra invece ci sono la cantina e le botti: da qui ogni anno escono 3 mila bottiglie di Grignolino. Quelle di Monferace invece saranno pronte nel 2019.

Venite a scoprire il Monferace con Tour Divini nelle terre dello splendido Monferrato.

No Comments

Post A Comment

error: Tour Divini says: Content of this Website is protected !